Lo scompenso adolescenziale nei minori

0
773
minori problemi comportamentali

LO SCOMPENSO ADOLESCENZIALE

Nell’ambito del supporto psichiatrico a minori problematici parliamo oggi di scompenso adolescenziale. Con scompenso adolescenziale si intende uno scompenso psichico in adolescenza, cioè una perdita della stabilità e dell’ equilibrio psichico presenti fino a poco prima e una più o meno rapida e improvvisa perdita delle capacità di controllo di varie funzioni psichiche. Come ‘fase di passaggio’ l’adolescenza è uno dei momenti in cui si possono manifestare con una certa frequenza tali scompensi.

Lo ‘scompenso’ d’altronde può essere talora necessario e utile per uscire da una situazione troppo rigida che blocca lo sviluppo. Il termine inglese di ‘scompenso’, cioè break down (rottura giù), linguisticamente è vicino al termine break-through, che indica appunto un ‘passaggio attraverso’, ed evidenzia una situazione in cui qualcosa deve essere interrotto per poter passare attraverso un certo passaggio e continuare l’evoluzione psicologica. A volte quindi la crisi può essere salutare come un ‘coffee-break’. Ma questo può essere detto solo a posteriori.

LE RAPIDE TRASFORMAZIONI

Come è noto l’adolescenza è un periodo a limiti un po’ mal definiti che va dalla pubertà all’età adulta e costituisce una lunga e delicata fase di passaggio fra fanciullezza e maturità. In questo periodo avvengono una quantità di trasformazioni, sia nel corpo che nella mente, che comportano cambiamenti rapidi e marcati in quello che era fino alla pubertà il rapporto del bambino con i genitori, gli altri adulti e i coetanei oltre che con se stesso. Inevitabilmente gli equilibri e le abitudini individuali e familiari che avevano spesso permesso fino a quel momento una situazione stabile e tranquilla vengono investiti in misura maggiore o minore da questi cambiamenti e devono essere modificati.

Normalmente pur fra alti e bassi individuo e famiglia, con l’apporto anche dell’ambiente esterno, riescono a cambiare l’organizzazione, le abitudini e l’equilibrio pregressi senza troppe crisi, ma se questo non avviene o è più difficile del previsto per fattori vari, possono manifestarsi a un certo punto sintomi e segni che spesso in maniera rapida manifestano il rischio di una crisi.

CON IL DIALOGO SI PUÒ COMPRENDERE

Il dialogo a scuola e in famiglia può essere l’unico strumento per capire realmente i nostri figli, per facilitare questo percorso in salita, questi cambiamenti fisici e mentali. Infatti, il periodo di possibile scompenso, acuto o cronico, coincide per lo più con gli anni della scuola media e specialmente con i primi anni delle superiori. Sono questi gli anni in cui il ragazzo o la ragazza prima ‘senza problemi’ mostra più o meno rapidamente ed improvvisamente cambiamenti che spesso mettono in crisi.

Solo l’ascolto può evitarla e tanto tempo a loro disposizione: Aes Domicilio vi affianca in ogni difficoltà, non potrebbe mai trattarsi, infatti, di una sostituzione, ma grazie ai nostri educatori professionali o attraverso il servizio di consulenza familiare, siamo pronti ad intervenire per migliorare insieme gli inevitabili inconvenienti che quell’età produce.

Articolo precedenteL’educazione è donna
Prossimo articoloL’equipe multidisciplinare della casa di riposo
AES Domicilio nasce con lo scopo di intervenire in tutte quelle situazioni di richiesta d’aiuto appartenenti al grande mondo dell’educazione, della scuola, dei disturbi dell’apprendimento, dell’assistenza agli anziani, dell’accudimento dei neonati e del sostegno psichico per adulti. Grazie alla grande passione e costanza abbiamo raggiunto l’obiettivo di creare un’ampia rete di collaboratori e quindi professionisti del sociale per diventare veri leader del “terzo settore”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.