La famiglia attraverso l’immagine di un nido

0
599
ruolo famiglia societa aes domicilio

La poetica di Pascoli: la famiglia è rappresentata da un nido

Aes domicilio è al servizio di tutta la famiglia, attraverso il nostro servizio di badanti per Alzheimer a Como e di badante ad ore a Monza, gli anziani sono il nucleo centrale della nostra azione quotidiana. Essi sono il perno della nostra passione: oggi diamo uno sguardo alla poetica di Giovanni Pascoli e al tema del nido che simboleggia la famiglia. Un luogo caldo, protettivo e segreto.

Il nido difende chi sta dentro, è il tentativo di recuperare l’età d’oro, ovvero dell’infanzia, l’unico tempo davvero sereno. Il nido è accogliente, una cellula calda, come a confermare che nel nido si può vivere, mentre all’esterno vi sono solitudine e incomprensione. Il nido difende chi sta dentro, è il tentativo di recuperare l’età d’oro, l’infanzia, tempo davvero sereno.

Pascoli è fondamentalmente un poeta simbolista, come i poeti decadenti anche la sua parola perde la propria funzione informativa, di messaggio puro e semplice, ma si rifà nella soggettività dell’io-poeta e dice le cose non come sono ma come le sente, quindi per Pascoli il paesaggio non è mai sintetico e non è mai una visione ordinata. Insomma la poesia è analitica, cioè il suo sguardo si fissa su tanti particolari diversi, in modo tale che questi oggetti man mano si facciano centro della rappresentazione.

Tale concezione è percepibile da una delle sue poesie più famose “X Agosto” dove ogni elemento è il simbolo di una realtà diversa da quella naturale ed è in relazione con il fatto luttuoso della morte del padre; infatti la “rondine che ritorna al tetto” simboleggia il padre che torna dal lavoro per raggiungere il nido familiare e l’insetto che porta nel becco indica il fatto che il padre, Ruggero Pascoli, era l’unica fonte di sostentamento per la famiglia.

“Ritornava una rondine al tetto:
l’uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de’ suoi rondinini.”

La famiglia è una rete di reciproca assistenza, un cerchio di amore e di emozioni che vogliamo preservare e custodire ogni giorno: come ogni relazione necessita di cure e di attenzioni proporzionate ai bisogni e alle difficoltà di ogni componente ed è nostro dovere garantire un servizio idoneo per ogni periodo della vostra vita

Articolo precedenteLa memoria degli anziani
Prossimo articoloGli educatori aiutano i minori a crescere e scoprirsi
AES Domicilio nasce con lo scopo di intervenire in tutte quelle situazioni di richiesta d’aiuto appartenenti al grande mondo dell’educazione, della scuola, dei disturbi dell’apprendimento, dell’assistenza agli anziani, dell’accudimento dei neonati e del sostegno psichico per adulti. Grazie alla grande passione e costanza abbiamo raggiunto l’obiettivo di creare un’ampia rete di collaboratori e quindi professionisti del sociale per diventare veri leader del “terzo settore”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.