I nostri educatori nelle vostre case – Il doposcuola come ponte tra scuola e famiglia

0
621
Doposcuola Como Lecco Milano

AES Domicilio riconosce ampiamente l’importanza del doposcuola come strumento di educazione, fonte di dialogo e di trasformazioni, una metodologia didattica che pone al centro l’apprendente con i suoi bisogni e le sue difficoltà.
Dagli ultimi dati del MIUR emerge un alto livello di dispersione e abbandono scolastico: il nostro obiettivo è quello di creare un ponte motivazionale tra scuola e famiglia, seguire lo studente e avviare un processo di formazione adatto ad ogni esigenza specifica.

L’obiettivo generale è fornire gli strumenti necessari per attivare in maniera autonoma e consapevole un percorso di crescita che dia loro la possibilità di superare le difficoltà legate al senso di spaesamento e alla mancanza di riferimenti per loro validi ed efficaci.

Bisogna offrire a tutti la possibilità di costruire un luogo di incontro e di comprensione in cui sperimentarsi in relazioni autentiche tra pari e con l’educatore.
Per lo più il periodo dell’adolescenza si configura come una delle fasi più complesse della vita in termini di relazioni con se stessi, gli altri e la società. Considerando il fatto che si tratta di ragazzi potenzialmente più fragili perché anche alle prese con la costruzione della propria identità, il doposcuola è pensato principalmente come spazio di rafforzamento dell’autostima e delle potenzialità di ciascuno.

Limitare tale missione alla mera esecuzione dei compiti assegnatigli a scuola è da dilettante: i nostri professionisti trasmettono un metodo di apprendimento e organizzativo che gli alunni possono portare con se a distanza di anni utilizzandolo nello studio delle materie scritte e orali. Questo è il segno distintivo in grado di seminare risultati duraturi e di forgiare menti pensanti.

Ogni approccio sarà studiato in base alle difficoltà emerse giornalmente stimolando l’attenzione e l’ascolto, ma soprattutto valorizzando la persona e le sue risorse attraverso momenti di protagonismo: essere seguiti da un educatore non deve rappresentare una sconfitta, è anzi un privilegio con cui ripartire più forti di prima.
AES Domicilio propone una interrelazione tra scuola e famiglia affinché tutto ciò sia possibile: bambini e ragazzi hanno bisogno di saldi punti di riferimento  per superare le proprie difficoltà: una alleanza di tal genere permetterebbe infatti ai nostri educatori di insidiarsi più efficacemente e di raggiungere risultati concreti in poco tempo.

L’empatia è la dimensione che più specificatamente deve connotare un’autentica relazione di aiuto cogliendo con sincerità i contenuti emozionali del ragazzo e avviare una comprensione autentica. La ONLUS con i suoi servizi offre un rapporto educativo che non è affidato all’improvvisazione, ma scaturisce da scelte, strategie e valori.

Come affermava il noto pedagogista Paulo Freire, non è possibile creare uomini senza la riflessione, la costanza e il dialogo ed è per questo che ci rivolgiamo alle famiglie, le vere artefici della generazione futura: abbattiamo insieme le barriere del silenzio e solo così ridurremo la dispersione scolastica rigenerando l’inadeguatezza del sistema educativo contemporaneo.

Articolo precedenteLe cooperative fantasma: più tutele e meno truffe
Prossimo articoloAES Domicilio e “LA CASA DEL CITTADINO”
AES Domicilio nasce con lo scopo di intervenire in tutte quelle situazioni di richiesta d’aiuto appartenenti al grande mondo dell’educazione, della scuola, dei disturbi dell’apprendimento, dell’assistenza agli anziani, dell’accudimento dei neonati e del sostegno psichico per adulti. Grazie alla grande passione e costanza abbiamo raggiunto l’obiettivo di creare un’ampia rete di collaboratori e quindi professionisti del sociale per diventare veri leader del “terzo settore”.