Capacità di mediazione nel sociale

0
571
Capacita mediazione lavorare sociale

Mediazione e capacità di relazione nel sociale

“Dobbiamo coltivare l’intuizione per anticipare i cambiamenti prima che essi avvengano, empatia per comprendere quello che non può essere chiaramente espresso, saggezza per vedere connessioni tra fatti che non sono chiaramente relazionati e creatività per scoprire nuovi modi di definire i problemi, nuove regole che rendano possibile adattarsi all’insperato.”

Con questa introduzione tratta da uno scritto sulla mediazione a cura di Marco Marinaro, ci approcciamo al mondo della mediazione. La questione è molto importante in un contesto come quello di un’impresa che lavora nel sociale.AES Domicilio si occupa di assistenza a domicilio a Lecco, Como e Monza. Offriamo inoltre corsi di formazione per assistenti all’infanzia e badanti.

Basi della mediazione

Quando ci si affaccia sul sociale ci si rende conto che la vita è un continuo risolvere conflitti e problemi. Ecco alcune dimensioni che rendono possibile un approfondimento della loro gestione.

  • La creazione di un ambiente favorevole. Questo permette ad un individuo di essere compreso, capito, ascoltato, rassicurato in presenza di un soggetto terzo imparziale con allenata capacità di osservazione.
  • L’autoconsapevolezza emozionale. La dimensione emotiva viene sempre chiamata in causa e bisogna saperla gestire e riconoscerla. Un buon mediatore deve saper mantenere il controllo , l’equilibrio nei momenti di stress, per facilitare il percorso verso i risultati attesi.
  • L’intelligenza sociale. La capacità di creare relazioni ideali con se stessi e con gli altri si sostanzia in una migliore gestione delle relazioni interpersonali.
  • L’ascolto attivo-empatico. Ascoltare non solo con l’udito ma anche con la vista mettendosi nei panni dell’altro.
  • La gestione creativa. Separare le persone dal problema concentrandosi sugliinteressi e non sulle posizioni.

Questo spazio di azione condivisa è un punto fondamentale per capire l’importanza che assume il nostro contatto con gli altri, le possibilità, le responsabilità, siamo intrinsecamenrte relazionali, ”non è possibile pensare ad un io senza un noi”. Aiutateci a creare relazioni più salde fidandovi della nostra professionalità e a determinare con empatia maggiore capacità di ascolto.

Articolo precedenteTutela badanti e regole UE
Prossimo articoloTestamento badante
AES Domicilio nasce con lo scopo di intervenire in tutte quelle situazioni di richiesta d’aiuto appartenenti al grande mondo dell’educazione, della scuola, dei disturbi dell’apprendimento, dell’assistenza agli anziani, dell’accudimento dei neonati e del sostegno psichico per adulti. Grazie alla grande passione e costanza abbiamo raggiunto l’obiettivo di creare un’ampia rete di collaboratori e quindi professionisti del sociale per diventare veri leader del “terzo settore”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.